Leaderboard Ad

#3 – Un’amica da aiutare a liberarsi dall’ansia della mamma

0

A scuola è arrivata una nuova bambina, si chiama Vanessa e ha l’asma allergica come me. Ma in forma più grave, almeno così mi ha raccontato. Si è seduta vicino a me e abbiamo subito fatto amicizia, mi fatto molta pena. E’ timida e se ne sta sulle sue, non esce quasi mai perché la mamma ha paura che possa avere un attacco, e anche se ha sempre appresso gli spray per respirare non si fida lo stesso. Stamattina all’ora di ricreazione i nostri compagni hanno iniziato a giocare a pallone e io avevo una gran voglia di tirare qualche calcio con loro, ma sono rimasto con Vanessa perché mi dispiaceva lasciarla sola. La mamma non le fa fare sport e così, quando le ho detto che invece io giocavo a calcio nonostante le mie allergie, è rimasta molto stupita e mi ha chiesto: “Ma i tuoi non hanno paura che tu stia male?” Mi dispiace troppo per lei, non è giusto che non possa fare pallavolo solo perché è asmatica. Io le ho spiegato che basta essere prudenti e portarsi dietro i farmaci, come faccio io, ma lei mi ha risposto che tanto la madre non sarebbe stata d’accordo. E’ ufficiale, ho deciso di andare a parlare con la mamma di Vanessa per aiutarla a diventare come tutti gli altri bambini!

I CONSIGLI DELL’ALLERGOLOGO

BRAVO LUCA, HAI COLTO UN PROBLEMA CHE CAPITA SPESSO NELLE FAMIGLIE CON BAMBINI ASMATICI. E’ MOLTO COMUNE CHE I GENITORI CERCHINO DI TENERLI SOTTO UNA CAMPANA DI VETRO, PENSANDO DI PROTEGGERLI, SENZA CAPIRE CHE IN QUESTO MODO NON SOLO LI FANNO SENTIRE DIVERSI DAGLI ALTRI, MA SOPRATTUTTO NON PERMETTONO AL LORO CORPO DI FORTIFICARSI. E’ MOLTO IMPORTANTE, QUANDO SI SOFFRE DI ASMA ALLERGICA, USCIRE ALL’ARIA APERTA E STIMOLARE IL SISTEMA IMMUNITARIO, E SOPRATTUTTO NON C’E’ NESSUNA CONTROINDICAZIONE ALLO allergologoSPORT, ANZI! VANESSA DOVREBBE POTER FARE PALLAVOLO, BASTERA’ CHE SI PORTI SEMPRE DIETRO I SUOI FARMACI ANTIALLERGICI E ANTISTAMINICI IN CASO  DI NECESSITA’. MA, LUCA, UN CONSIGLIO: PRIMA DI ANDARE A PARLARE CON LA MAMMA DELLA TUA AMICA, SPIEGA LA SITUAZIONE A CASA E MAGARI ORGANIZZA UN INCONTRO TRA I TUOI E I SUOI GENITORI… CHE NE DICI?

Share.

About Author

Comments are closed.