Leaderboard Ad

L’autoniettore di adrenalina: a chi serve e come si usa

0

In caso di reazione anafilattica,  l’adrenalina  è il farmaco di prima scelta. Per questo i soggetti a rischio devono portare con sé l’autoiniettore.

Partiamo da una premessa: non tutte le reazioni allergiche sono di tipo anafilattico e non tutti i soggetti allergici devono avere con sé la terapia di emergenza con adrenalina. L’adrenalina infatti è un farmaco importante, fondamentale in alcune condizioni – come lo shock anafilattico ma anche l’arresto cardiaco – ma proprio per questo da prescrivere e da utilizzare con la dovuta attenzione.

Chi decide se serve l’adrenalina? Per la prescrizione ovviamente è il medico che decide se il paziente necessita di questo farmaco o meno. Quando il farmaco viene prescritto, poi, il paziente dovrebbe averlo a disposizione in ogni occasione in cui la possa trovarsi a rischio di reazione allergica. L’apicoltore, ad esempio, dovrebbe averlo con sé quando lavora con le api; poiché però non è possibile escludere il rischio di puntura anche in altre occasioni, solitamente viene consigliato di portarlo con sé in occasione per averlo sempre disponibile.

Quando somministrare l’adrenalina? Trattandosi di un auto-iniettore, il paziente si potrà trovare nella situazione di dover decidere da solo e somministrare la terapia o meno. In questi casi è comunque possibile contattare la centrale operativa del soccorso d’emergenza, componendo il numero 118, ed il personale addetto all’emergenza potrà fornire telefonicamente le indicazioni utili, oltre ad inviare al posto i mezzi di soccorso, data la gravità della reazione è considerato che – anche in caso di rapido e completo recupero del paziente – dopo la somministrazione di adrenalina è sempre necessario un periodo di alcune ore di osservazione in ospedale.

L’adrenalina può (e solitamente deve…) essere somministrata in ogni reazione di tipo anafilattico, anche se questo purtroppo non sempre accade sia sul territorio che in ambiente ospedaliero. In particolare, durante una reazione anafilattica con compromissione respiratoria (da non confondere con l’attacco d’asma, che ha una terapia diversa) o cardio-circolatoria è di grande importanza somministrare precocemente l’adrenalina in modo da prevenire un peggioramento del quadro clinico.

Di fondamentale importanza che il paziente sia in grado di somministrare correttamente la terapia, e quindi sappia come si utilizza correttamente l’auto-iniettore. È compito del medico, al momento della prescrizione ed in occasione dei controlli successivi, spiegare come si usa e verificare che il paziente ne abbia compreso il meccanismo. Per chi ne volesse sapere di più, ecco un video (in inglese) che mostra come si utilizza uno dei più comuni auto-iniettori.

Articoli nel medesimo numero:
[catlist search=”giugno2014″ numberposts=10]

Share.

About Author

Sono medico, allergologo ed immunologo, editor-in-chief di Allergia e Salute. Se hai trovato utile questo articolo clicca Mi piace! e condividilo. Se vuoi contattarmi per un consiglio o una visita clicca qui >>

Comments are closed.