Leaderboard Ad

Rinite lieve, rinite grave. Ecco le differenze (ed un utile strumento)

0

La rinite allergica può presentarsi in forme anche molto differenti tra loro: per qualcuno solo sintomi lievi, per altri sintomi molto fastidiosi e di lunga durata. Distinguere forme “lievi” e forme “gravi” è possibile, e da oggi potete aiutarvi con il Rini-diario!

Per accedere alla app facebook premere qui>>

Qualche starnuto ogni tanto, oppure naso chiuso e fastidiosi sintomi 24 ore su 24? La rinite può presentarsi in varie forme e spesso varia con il passaggio delle stagioni. Ma c’è un modo per capire, in maniera oggettiva, quando la rinite non è più un disturbo “lieve” ma porta con sé una notevole riduzione della qualità di vita?

Alcuni studi dimostrano infatti come i soggetti che soffrono di rinite possano andare incontro a perdita di giornate lavorative a causa della fastidiosa sintomatologia, ma soprattutto – anche quando riescono a recarsi al lavoro – possano facilmente avere una ridotta performance lavorativa a causa dei sintomi.

Ma quali differenze ci sono tra rinite “lieve” e rinite “grave”?

Le linee guida ARIA (Allergic Rhinitis and its Impact on Asthma) classificano innanzitutto la rinite come “intermittente”, quando i sintomi sono presenti  fino a 4 giorni la settimana o per un massimo di 4 settimane, oppure “persistente” quando i sintomi sono presenti per più di 4 giorni la settimana o durano per un periodo superiore alle 4 settimane.

Stabilito questo, è necessario prendere in considerazione l’intensità dei sintomi rinitici. In questo caso le linee guida ARIA dividono la rinite in forma “lieve” o “moderato-grave”.

La rinite di grado lieve non deve dare luogo a sintomi fastidiosi, non deve avere ripercussioni significative sull’attività lavorativa/scolastica né sulle normali attività quotidiane, e non deve ostacolare il sonno.

La rinite di grado moderato-severo, al contrario, si ha quando anche una sola delle seguenti condizioni è presente: sintomi particolarmente fastidiosi, riduzione del rendimento lavorativo o scolastico, interferenza con lo svolgimento delle normali attività quotidiane, sonno disturbato.

Va da sé che un corretto inquadramento della rinite, da parte del medico, è di fondamentale importanza per poter impostare il giusto percorso diagnostico e terapeutico. A seconda dell’intensità e della gravità dei sintomi il medico potrà scegliere la terapia più appropriata, attingendo dall’ampio armamentario oggi disponibile: dalle terapie con antistaminici per via orale o nasale, ai farmaci cortisonici per via intranasale, fino alle nuove formulazioni in associazione, sempre via intransale, tra antistaminico e cortisonico.

Come fare per tener traccia dei propri sintomi nel tempo? Ecco il Rini-diario!

Poiché i sintomi della rinite allergica nella maggior parte dei casi variano con le stagioni, è molto importante saper riferire alla visita medica il loro andamento nel tempo. Non è affatto facile, tuttavia, ricordare questi dettagli a distanza di mesi.

Proprio per venire incontro a questa difficoltà, Allergia e Salute ha lanciato in questi giorni la App “Rini-diario”, uno spazio personale dove ogni utente può annotare i propri sintomi nell’arco dei 12 mesi, in modo da poterne tenere traccia e poterli riferire con precisione all’allergologo.

All’interno del Rini-diario è possibile annotare l’intensità (bassa, media, alta) di un grande numero di sintomi: si va dagli starnuti, al naso che cola, al prurito agli occhi, fino alla tosse ed alla difficoltà respiratoria.

La pagina viene automaticamente salvata, in modo che basterà tornarci in futuro per poter aggiornare i propri sintomi con il passare del tempo.

Non vi resta che provare il Rini-diario, che potete raggiungere dalla pagina Facebook di Allergia e salute oppure cliccando qui.

Per accedere alla app facebook premere qui>>

Articoli nel medesimo numero:
[catlist search=”marzo2014″ numberposts=10]

Share.

About Author

Sono medico, allergologo ed immunologo, editor-in-chief di Allergia e Salute. Se hai trovato utile questo articolo clicca Mi piace! e condividilo. Se vuoi contattarmi per un consiglio o una visita clicca qui >>

Comments are closed.