Leaderboard Ad

La cura della pelle nei soggetti con dermatite seborroica

0

Pur non essendo un problema strettamente allergico, richiede molta attenzione e cura per la pelle. Allergia e Salute dedica alla dermatite seborroica lo speciale di questo mese.

La dermatite seborroica è un problema cutaneo molto comune. A volte insorge nelle primissime fasi della vita: la cosiddetta “crosta lattea” non è altro che una forma neonatale di dermatite seborroica. Nel proseguimento dell’infanzia è relativamente poco frequente, mentre torna spesso a colpire nell’età adulta: in questo caso le aree più facilmente interessate sono il volto (soprattutto la regione naso-labiale, ovvero lateralmente al naso e tra naso e labbra) ed il cuoio capelluto, ma può presentarsi facilmente anche a livello del tronco e della regione ascellare o inguinale.

Solitamente la dermatite seborroica si presenta con cute arrossata (eritema) che si desquama in scaglie untuose. Al volto, generalmente, non dà particolare prurito, mentre sul capo si hanno tipicamente abbondante forfora (soprattutto all’attaccatura dei capelli) e intenso prurito.

Questi sintomi, in particolare l’arrossamento e il prurito, sono spesso presenti anche nelle manifestazioni cutanee di tipo allergico e proprio per questo la dermatite seborroica spesso è scambiata per un problema allergologico. Tuttavia in questo caso le allergie ed il sistema immunitario non sono i responsabili del problema…

Le cause della dermatite seborroica sono, infatti, da ricercare in un’eccessiva produzione di sebo, questo conferisce alla pelle il tipico aspetto lucido e untuoso e favorisce la desquamazione. Inoltre, l’eccesso di sebo pone le basi per un microambiente ideale per la proliferazione del fungo Malassezia furfur, che produce a sua volta – a partire dal sebo – altre sostanze infiammatorie responsabili dei sintomi di arrossamento e prurito.

sebo

/ sè·bo/

sostantivo maschile

Materia grassa e untuosa, prodotta dalle ghiandole sebacee presenti nella cute, che contribuisce a mantenere morbida la pelle e a difenderla contro gli agenti esterni; è più abbondante in corrispondenza del cuoio capelluto, della faccia, della parte mediana del torace.
sebo

 

Pelle con dermatite seborroica, che fare?

Per la dermatite seborroica, purtroppo, non esistono terapie sicuramente risolutive. Le creme cortisoniche possono avere un effetto positivo, ma molto limitato nel tempo e il loro uso deve sempre essere guidato dal medico per la possibilità di effetti collaterali. È stato infatti descritto che l’utilizzo di creme cortisoniche può favorire la comparsa di ricadute e, in alcuni casi, anche un peggioramento dei sintomi repentino alla sospensione della terapia (“effetto rimbalzo”). Per le forme più gravi di dermatite seborroica, sono allo studio farmaci ad azione immunosoppressiva ed immunoregolatrice.

In ogni caso, però, è di fondamentale importanza porre attenzione alla cura quotidiana della propria pelle a 360 gradi, dalla detersione all’alimentazione ed esposizione ad agenti esterni. Da questo punto di vista, nella dermatite seborroica rivestono un ruolo di primaria importanza la detersione – al fine di ridurre la quantità di sebo e la colonizzazione della Malassezia furfur – e l’utilizzo di agenti che favoriscano la desquamazione. L’uso di detergenti ed esfolianti delicati, infatti, permette di ridurre lo stato infiammatorio della pelle o del cuoio capelluto interessati dalla dermatite seborroica.

Ecco alcuni consigli utili per i soggetti con dermatite seborroica:

  • Non lavarsi troppo. Al contrario di quello che si potrebbe pensare, però, anche eccedere con i lavaggi non aiuta, anzi ha un effetto controproducente. I troppi lavaggi infatti indeboliscono la cosiddetta “barriera cutanea”, che ha funzione di protezione rispetto all’ambiente esterno. Oltre a questo, l’uso di detergenti troppo aggressivi potrebbe indurre un’ulteriore incremento della produzione di sebo.
  • Leggi le etichette di detergenti e creme. Nei soggetti con problemi dermatologici, inclusa la dermatite seborroica, è consigliabile utilizzare prodotti cosmetici e per igiene personale specificamente rivolti a questo tipo di pelle, e che siano testati per la presenza di sostanze potenzialmente allergizzanti quali nichel, parabeni, profumi, coloranti e alcol.
  • Attento a ciò che mangi. Anche l’alimentazione è importante per chi soffre di dermatite seborroica: i cibi che inducono dilatazione capillare, come i cibi molto speziati, piccanti o anche l’alcol, sono da evitare.
  • Bevi molta acqua. La pelle che va incontro a desquamazione va idratata. Oltre ad un adeguato consumo di acqua, aumenta il consumo di frutta e verdura fresche che favoriscono l’idratazione di pelle e cuoio capelluto.
  • Proteggiti dal sole. L’esposizione solare, con le dovute accortezze del caso per non rischiare eritemi solari che poi andrebbero ad aggravare il quadro, può essere di grande aiuto e solitamente i soggetti con dermatite seborroica vanno incontro ad uno spontaneo miglioramento durante la stagione estiva; le lampade abbronzanti, invece, sono da evitare.
  • Trucco sì ma con moderazione. Per la donna, i prodotti cosmetici vanno scelti con la dovuta attenzione, perché in caso di reazione allergica o irritativa anche la dermatite seborroica andrebbe incontro ad un notevole peggioramento. Nel caso si utilizzi un prodotto mai provato in precedenza, è consigliabile applicare una piccola quantità sulla superfice interna dell’avambraccio ed attendere 24-48 ore prima di applicarlo su aree più delicate (come il viso) per testarne la tollerabilità.
  • Per la barba meglio la lametta. Per l’uomo, la rasatura del volto rappresenta uno stress per la pelle e può incrementare l’infiammazione; è comunque di solito preferibile utilizzare la lametta al posto del rasoio elettrico, perché quest’ultimo – andando a scaldare la pelle – può avere un effetto peggiore.

 

Condividi.

Info Autore

Sono medico, allergologo ed immunologo, editor-in-chief di Allergia e Salute. Se hai trovato utile questo articolo clicca Mi piace! e condividilo. Se vuoi contattarmi per un consiglio o una visita clicca qui >>

Commenti chiusi.