Leaderboard Ad

Browsing: Il Diario di Matilde

Ciao mi chiamo Matilde, sono una casalinga, ho scelto di dedicare la mia vita alla casa, a mio marito e ai miei figli. Mi impegno per loro e li seguo nelle attività extra scolastiche, accompagnandoli a fare sport: il più grande gioca a rugby, il piccolo a calcio. La scorsa primavera gli allenamenti e le partite per me erano un incubo: mi sentivo sempre stanca e mi sembrava che mi esplodesse il naso. Stessa cosa, in casa, quando aprivo le finestre per cambiare aria e sbattere i tappeti: starnuti, prurito, bruciore ecc. Pensavo che fosse un disturbo passeggero, poi una mia vicina mi aveva consigliato di andare dall’allergologo. E oggi eccomi qui, con la mia diagnosi di allergia all’ulivo in tasca. In pratica, quando questa pianta fiorisce e i pollini si disperdono nell’aria, le mie vie respiratorie si infiammano. Tuttavia, mi basta prendere i medicinali prescritti dal medico, cioè uno spray nasale cortisonico e un antistaminico per bocca, che i sintomi migliorano notevolmente. E pensare che temevo che l’allergia mi avrebbe impedito di portare i ragazzi a fare sport, visto che si praticano entrambi all’aperto. Come madre, non me lo sarei mai perdonata.

Se l’allergia l’abbiamo “sistemata” ora mi resta un’altra cosa da fare: mettermi a dieta. Ma come si fa? Sono una buona forchetta e i miei figli sono dei gran mangioni: mi tocca cucinare in continuazione e finisco per mangiare per tre…

I CONSIGLI DELL’ALLERGOLOGO

Hai un’allergia eppure continui a dedicarti alla tua famiglia come hai sempre fatto: il tuo esempio dimostra che, seguendo un’adeguata terapia farmacologica, convivere con l’allergia è possibile.

Vuoi conoscere due trucchi che potrebbero esserti utilissimi nella gestione della rinite allergica?allergologo
1. Quando torni a casa dopo gli allenamenti dei tuoi figli, fai subito la doccia e cambia i vestiti: sui capelli e sugli abiti si saranno infatti depositati i pollini che invece è meglio tenere lontani da casa
2. Cerca di arieggiare le stanze nelle ore serali. Magari per via del regolamento condominiale non ti sarà possibile sbattere i tappeti, ma per cambiare aria è senz’altro quello il momento ideale della giornata